La protezione dei dati fin dalla progettazione è un approccio che promuove la privacy, integrando nei prodotti e nei servizi le funzionalità di protezione dei dati fin dalle prime fasi di sviluppo del software.


1::I tecnici del software preferiscono utilizzare le informative sulla privacy.
2::La privacy è una questione sociale, non un problema tecnico.
3::La mancanza di strumenti appropriati per realizzare la protezione dei dati fin dalla progettazione.

Questa risposta non è corretta per lo scenario proposto. Con il termine informativa sulla privacy si indica il documento o la dichiarazione in cui i fornitori dei servizi descrivono dettagliatamente il modo in cui sarà gestita la privacy degli utenti e come potranno essere utilizzati i loro personali (ovvero quali dati personali vengono raccolti, per quali scopi, quali sono i destinatari di tali dati e così via). La protezione dei dati fin dalla progettazione assicura una riservatezza maggiore rispetto alle informative sulla privacy.

La seconda ragione è la mancanza di strumenti software appropriati per realizzarla.

Per ulteriori informazioni, vedere la relazione ENISA Privacy and Data Protection by Design (Privacy e protezione dei dati fin dalla progettazione): https://www.enisa.europa.eu/activities/identity-and-trust/library/deliverables/privacy-and-data-protection-by-design

 

La necessità di ricorrere alla protezione dei dati fin dalla progettazione è stata affrontata anche nel regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679, che è entrato in vigore il 24 maggio 2016 e si applicherà a partire dal 25 maggio 2018, disponibile all'indirizzo: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32016R0679&qid=1474282578263&from=EN).

 

La privacy è certamente anche una questione di rilevanza sociale, tuttavia, nel mondo interconnesso e digitale in cui viviamo, essa può venire regolamentata e tutelata attraverso il ricorso a tecniche di progettazione appropriate, ovvero con la protezione dei dati fin dalla progettazione.

La seconda ragione è la mancanza di strumenti software appropriati per realizzarla.

Per ulteriori informazioni, vedere la relazione ENISA Privacy and Data Protection by Design (Privacy e protezione dei dati fin dalla progettazione): https://www.enisa.europa.eu/activities/identity-and-trust/library/deliverables/privacy-and-data-protection-by-design

 

La necessità di ricorrere alla protezione dei dati fin dalla progettazione è stata affrontata anche nel regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679, che è entrato in vigore il 24 maggio 2016 e si applicherà a partire dal 25 maggio 2018, disponibile all'indirizzo: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32016R0679&qid=1474282578263&from=EN).

 

Questa è effettivamente la seconda delle due ragioni per le quali gli approcci tradizionali all'ingegneria del software presentano limitazioni dal punto di vista della protezione dei dati fin dalla progettazione. È quindi importante che la comunità che si occupa dell'ingegneria del software possa disporre di tali strumenti.

 

Per ulteriori informazioni, vedere la relazione ENISA Privacy and Data Protection by Design (Privacy e protezione dei dati fin dalla progettazione): https://www.enisa.europa.eu/activities/identity-and-trust/library/deliverables/privacy-and-data-protection-by-design

 

La necessità di ricorrere alla protezione dei dati fin dalla progettazione è stata affrontata anche nel regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679, che è entrato in vigore il 24 maggio 2016 e si applicherà a partire dal 25 maggio 2018, disponibile all'indirizzo: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32016R0679&qid=1474282578263&from=EN).

 


Questa metodologia viene spesso chiamata anche "privacy by design". Tradizionalmente, tuttavia, l'ingegneria del software ha dovuto fare i conti con alcuni limiti intrinseci di questa metodologia. Vi sono due ragioni principali per le quali gli approcci software tradizionali presentano limitazioni per quanto riguarda l'integrazione delle funzionalità di protezione dei dati fin dalla progettazione. La prima è la scarsa consapevolezza di queste problematiche da parte degli sviluppatori e dei titolari del trattamento dei dati.

 

Qual è la seconda ragione?